giovedì 18 dicembre 2014

Elisa 'L'anima Vola Live in the Clubs' - Live review


Martedì 2 Dicembre 2014 - Obihall, Firenze

Recensione e foto originali: Andrea Scarfì 
Accreditato press/photo per l'evento

Sono le 21.15 all'Obihall di Firenze, si abbassano le luci.
Eccola Elisa, entra sul palco, si avvicina al pubblico, si inchina e senza perdere tempo si siede al piano intonando in acustico Fairy Girl, suo grande successo datato 2001.
Voce calda fin da subito, rompe il silenzio lasciando intuire quali saranno le sue intenzioni: trasmettere grande energia e abbattere l'armonia del 'salotto' fiorentino.
Ritmo incalzante, Elisa fa scoprire le nuove hit del suo ultimo lavoro, passando dalla title track L'Anima Vola, appunto, ad Ecco che scritta da Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, passando da E scopro cos'è la felicita, composta invece da Tiziano Ferro, fino ad arrivare alla tenera A Modo Tuo, concepita da Ligabue per la figlia di Elisa.
Il punto più alto si raggiunge quando la cantante triestina si siede nuovamente al piano per intonare una struggente versione acustica di Dancing. Senza farsi accompagnare da nessuno, raggiunge note altissime che le pareti del Palatenda contengono a malapena. Tripudio. Pubblico in delirio.
Elisa tira fuori le unghie e scava dentro la sua anima rock. Rispolvera grandi successi del passato che tutti, dai più piccoli ai più grandi, non possono non conoscere e cantare assieme a lei: Broken, Heaven out of the hell, Together, il successo sanremese Luce (tramonti a nord est), The waves e Cure me, tutti suonati in piena escalation.
Si diverte e fa divertire Elisa, scherza e accoglie le richieste dei fans in qualche momento più soft. Ormai c'è totale feeling: è in ognuno di loro vice versa.
Ore 23.20, Elisa e la sua band salutano. Escono per poi rientrare a prendersi il giusto, meritato, lungo applauso che il pubblico toscano riserva loro.
Si accendono le luci, ma sul palco si continua a ballare. Sulle note di Positive Vibration del grande Bob Marley va a sfumare una serata che rimarrà sicuramente indelebile per chi si è voluto regalare due ore di
ottima musica, in compagnia di una grande artista che nei suoi ormai quasi quindici anni di carriera, ha saputo esprimersi al meglio e contraddistinguersi, in Italia e all'estero, come questo tour europeo ben sottolinea.









0 commenti:

Posta un commento

Il tuo commento sarà pubblicato immediatamente dopo averne verificato il contenuto. Non saranno pubblicati commenti contenenti termini volgari e/o offensivi, riferimenti personali e comunque ogni elemento non ritenuto congruo alla politica del sito.