martedì 21 maggio 2013

I love shopping online!


Ti piace questo contenuto? Aiutaci a promuoverlo cliccando su 'Consiglia'!
Autore: Costanza Spinetti, Responsabile Moda di FULL Magazine
Illustrazioni originali: Tommaso Spinetti

Cercare di restare ottimisti di questi tempi non è facile. Perfino per chi, che come me, vede sempre il bicchiere mezzo pieno. Apri il giornale e non si parla che di tasse in aumento, consumi in calo, aziende che chiudono. Bisogna davvero essere pronti al peggio o c’è ancora spazio per la speranza? Forse, se ci riferiamo al settore moda, non è azzardato dire di sì (per fortuna!). C’è infatti un business collegato al mondo del fashion che, nonostante i venti di crisi, sta registrando in Italia un frenetico incremento, cioè quello dello shopping on-line. I dati parlano da soli: vendite in salita del 22% nel 2012, per un totale di circa 13 milioni di acquisti, e stesse entusiastiche previsioni per il 2013. Per un paese come il nostro, sempre incline a rimanere indietro con le tendenze europee e internazionali, questo è un bel passo da giganti e il fatto di essere la patria di tante fashion victim si sta rivelando in fondo utile. Con ciò non voglio dire che un tale risultato sia soltanto merito delle shopping-dipendenti; certo è che il loro entusiasmo per la moda, veicolato sempre di più dai tanto amati/odiati social network (Pinterest in cima alla lista), si traduce spesso in un impulsivo e sconsiderato uso delle carte di credito. Ma sul perché gli on-line stores dovrebbero essere i principali beneficiari di un tale comportamento, a discapito dei negozi tradizionali, è cosa che provo adesso a illustrare.


Il motivo più ovvio è quello di riuscire a trovare capi e accessori che nessuna attività vende nella vostra città e, almeno che non si abiti in una metropoli, questo accade assai di frequente. Alzi la mano a chi non è mai capitato di sfogliare una rivista di moda, vedere un capo o accessorio da urlo e pensare, “Dove posso comprarlo?”. Ecco, gli e-commerce sono, nella maggioranza dei casi, la risposta alla vostra domanda. 

Altro aspetto da non sottovalutare è l’assoluta comodità e semplicità dell’acquisto. Si può comprare quello che più si desidera stando comodamente seduti sul divano di casa, senza perdita di tempo, denaro e, spesso pazienza, che sono invece alla base dello shopping di “vecchia generazione”. Basta infatti collegarsi a uno dei tanti fashion e-commerce tramite portatile o smartphone (pratica quest’ultima sempre più in aumento), ricercare l’oggetto dei desideri e, se siete stati fortunati, aspettare i pochi giorni  che vi separano dal suo arrivo. 

Ci sono poi degli ulteriori vantaggi, sia di carattere economico che pratico, quando si sceglie di acquistare on-line. Per prima cosa la spedizione del capo e/o accessorio è quasi sempre gratuita e spesso anche la sua restituzione. Molte persone sono ancora oggi restie nell’acquistare tramite e-commerce perché preoccupate per la restituzione nel caso di problemi con il prodotto, ma la verità è che restituire un oggetto è molto più semplice di quanto si possa immaginare: non si devono dare troppe giustificazioni e, cosa a mio avviso meravigliosa, viene del tutto rimborsato il prezzo dell’acquisto cioè, in parole povere, nuovi soldi da spendere sulla carta di credito.

Altro fattore importante è la condizione dell’articolo recapitato. Gli oggetti che ci arrivano a casa, infatti, non sono mai stati indossati da nessuno prima di noi (come invece accade acquistando i capi nei negozi) perciò sarà impossibile trovare macchie di fondotinta o di rossetto di qualche precedente cliente un po’ imbranata. 

Ovviamente ci sono anche aspetti piacevoli dell’acquisto classico che lo shopping online non ci possono restituire (primo fra tutti la gioia della condivisione con le amiche di quella che, senza ombra di dubbio, è l’esperienza di maggiore complicità femminile) ma una volta presa l’abitudine con questo nuovo sistema saranno innegabili gli enormi vantaggi a discapito dei pochi, semplici “contro”. 

Ecco adesso una panoramica di alcuni dei migliori siti di E-commerce in circolazione…


LUXURY WEB SITES


Tutti e tre offrono un’ampia scelta di prodotti di lusso dei migliori designer a livello internazionale, come Valentino, Isabel Marant, Alexander McQueen, Stella McCartney e una selezione di capi e accessori in esclusiva. Net-a-porter è in assoluto il più famoso: fondato nel 2000 rappresenta il capostipite degli e-commerce di alta gamma con circa 2.5 milioni di visite al mese. Il sito ha anche un suo fashion magazine digitale, “The edit”. Mytheresa nasce invece nel 2006 come canale di vendita online dell’omonima boutique di Monaco di Baviera ed è sempre attento ad attivare collaborazioni interessanti con designer e artisti. Ultimo in ordine di tempo è l’americano Moda Operandi, lanciato circa due anni fa, ma che gode già di ottima fama grazie all’impostazione editoriale di grande effetto e alla possibilità di pre-ordinare le collezioni di sfilata prima che siano disponibili altrove.

PRONTOMODA


Qui ho indicato soltanto un paio di nomi ma la lista sarebbe potuta essere molto più lunga perché quasi tutte le grandi catene low cost (ad eccezione di H&M) hanno ormai un sito e-commerce ben strutturato. Zara, come del resto gli altri brand del gruppo Inditex (Massimo Dutti, Stradivarius, Bershka, Pull and Bear), offre la possibilità di acquistare i suoi prodotti super cool con due metodi diversi di spedizione: invio a casa con tariffe tra i 4 e i 10 euro oppure ritiro gratuito in un negozio a scelta. Inoltre recentemente Zara.com è disponibile anche su telefonino con un’applicazione molto ben fatta. Topshop è il nome hot quando si parla di pronto moda targata UK e il suo e-commerce gli rende sicuramente giustizia con sezioni dedicate ai trend del momento dalla grafica accattivante e editoriali realizzati a regola d’arte che invogliano fortemente all’acquisto dei suoi capi.

CASI PARTICOLARI


Porto ora l’esempio di e-commerce che si caratterizzano per un sistema d’offerta diversificato e particolare che ne ha decretato il loro successo.
Yoox è indubbiamente il caso italiano di maggior rilevanza. Fondata nel 2000 da Federico Marchetti, Yoox.com si basa sull’idea vincente di acquistare in stock i prodotti invenduti delle passate stagione direttamente dalle grandi case di moda e di rivenderli online a prezzi ribassati. Quindi se vi siete innamorate di un vestito di Max Mara ma, al momento, non ve lo potete permettere, non abbattetevi; basta aspettare un po’ e probabilmente lo troverete lì. Inoltre, dal 2006 Yoox progetta e gestisce una grossa fetta degli e-commerce dei brand del lusso italiani (Valentino, Dolce&Gabbana, Moschino, Roberto Cavalli…) a cui si sono aggiunti ultimamente anche Stella McCartney, Alexander Wang e Barbara Bui.
Privalia è invece un club privato on-line che riserva ai suoi iscritti sconti su una gamma di prodotti selezionati per un periodo limitato di tempo. Le marche offerte non riguardano solo abiti o accessori moda ma anche profumi, oggetti per la casa, elettrodomestici e altri prodotti di diversa natura commerciale.
Ultimo, ma non meno importante, Asos. Asos è un e-commerce inglese che in appena dieci anni dal suo lancio è diventato uno dei più amati al mondo, grazie a un’offerta di prodotti davvero interessanti. Sul sito si possono infatti trovare molte tra le migliori marche di moda indipendenti oltre a una serie lunghissima di articoli targati col suo nome, tutti caratterizzati da prezzi bassi e da alto tasso di stile. A chi non hai mai provato, consiglio sentitamente di andare a fare un giro sul suo sito, con una sola avvertenza: Asos provoca dipendenza.

1 commenti:

Sono assolutamente d'accordo internet ha aperto un sacco di nuove opportunità quando si tratta di shopping.

Posta un commento

Il tuo commento sarà pubblicato immediatamente dopo averne verificato il contenuto. Non saranno pubblicati commenti contenenti termini volgari e/o offensivi, riferimenti personali e comunque ogni elemento non ritenuto congruo alla politica del sito.