giovedì 28 marzo 2013

Brueghel: Meraviglie dell’arte fiamminga

Autore: Roberta Fameli

Il  18/12/2012  ha avuto inizio  una splendida  esposizione artistica dedicata all’arte fiamminga e ad uno dei suoi più illustri maestri: Pieter Brueghel il Vecchio. La mostra che si concluderà il  2/06/2013 si tiene  nel Chiostro di Bramante a Roma ed è stata curata da Sergio Gaddi e Doron J. Lurie, conservatore dei dipinti antichi al Tel Aviv Museum of Art . Le opere esposte sono più di cento e  ci raccontano  la storia degli antichi Paesi Bassi nel ‘500 e ‘600. La dinastia dei Brueghel – e l'esposizione ad essa dedicata – copre un arco di circa due secoli: il capostipite della famiglia è  il famosissimo Pieter Brueghel il Vecchio, nato nel 1525, mentre l’ultimo suo discendente, Abraham, lavora fino alla fine del ‘600. In questa rassegna potrete ammirare tutti  vari generi pittorici: paesaggio, natura morta, mondo contadino,soggetto religioso,allegoria,illustrazioni scientifiche. L’itinerario si apre con  Hieronymus Bosch, a cui Pieter Brueghel il Vecchio si ispirò fino al punto  da essere definito “un nuovo Bosch”: in particolare è stata esposta per la prima volta in assoluto a Roma il capolavoro I Sette Peccati Capitali (proveniente dalla Geneva Fine Arts Foundation di Ginevra).La mostra si articola in varie sezioni: la prima è dedicata all’ambiente storico e culturale in cui  si sviluppa l’esperienza artistica di Pieter Brueghel il Vecchio che ha saputo interpretare in modo originale e personale  i paesaggi di Henri met de Bles e di Joachim Patinir e la grande Torre di Babele di Marten van Valckenborch e Hendrick van Cleve .
La seconda sezione è dedicata a Pieter il Giovane e Jan il Vecchio. Il primo riprende e arricchisce  i temi paterni,anticipando l’idea romantica del sublime che nasce dalla natura nel famoso “Paesaggio invernale con trappola per uccelli”. Jan il Vecchio, collabora con Rubens ed è è presente in mostra con circa 20 opere, tra le quali le raffinatissime La Tentazione di sant’Antonio nel bosco e Riposo durante la fuga in Egitto Nella terza sezione vengono analizzate le relazioni artistiche che intercorrono tra i numerosi membri della genealogia dei Brueghel .La tecnica e lo stile di Jan il Vecchio,per esempio, vengono ripresi dal figlio Jan il Giovane a cui è dedicata la quarta sezione. Il pittore segue il percorso tracciato dal padre che, con i suoi rigogliosi mazzi floreali, aveva creato una specie di “marchio” di successo: i fiori,infatti, essendo un chiaro messaggio della vanitas esprimono con chiarezza i valori cristiani . L’ultima sezione della mostra completa la presentazione degli oltre cento anni di attività della bottega dei Brueghel. Il costo del biglietto è di € 12,00,l’orario di apertura è dalle 10.00 alle 20.00, Sabato e domenica dalle 10.00 alle 21.00.  La mostra tra l’altro offre svariate opportunità: in particolare vorrei segnalare  il laboratorio didattico domenicale (Leggiamo insieme a Pietrino) per bambini dai 6 agli 11 anni. I bambini, sono  accompagnati dal personaggio di Pietrino alla scoperta del mondo di Brueghel e della sua famiglia cimentandosi  “in un percorso sensoriale e floreale tra tatto, olfatto e udito”, realizzando infine una natura morta tridimensionale. Anche gli studenti universitari – con tesserino e senza limiti di età – potranno usufruire di uno speciale sconto. Il biglietto d’ingresso alla mostra € 5,00 anzichè € 12,00.

1 commenti:

ottimo articolo! scritto meravigliosamente e dettagliato. devo sbrigarmi allora per visitarla.

Posta un commento

Il tuo commento sarà pubblicato immediatamente dopo averne verificato il contenuto. Non saranno pubblicati commenti contenenti termini volgari e/o offensivi, riferimenti personali e comunque ogni elemento non ritenuto congruo alla politica del sito.