mercoledì 28 settembre 2011

PITTI IMMAGINE



Sfoglia il servizio a pagina 58 e 59

La nostra Responsabile Moda, Costanza Spinetti, ha fatto 'una passeggiata' fra i tanti stand di PITTI IMMAGINE, cercando di segnalarci alcune fra le griffes più interessanti

LEDAOTTO


Non innamorarsi a prima vista della collezione di Ledaotto mi sembra quasi impossibile. Sarà il mio gusto, tutt’altro che minimalista, in fatto di gioielli; sarà il suo appeal “futuristico-primitivo” a richiamare in noi l’arcaico bisogno di pietre che ci facciano risplendere. Ciò che è sicuro è che le creazioni del duo aretino, Simona Cassai e Marta Saletti, in arte Ledaotto (dal nome dei rispettivi nonni…), non possono sicuramente passare inosservate. Belli e originali, i loro gioielli prendono vita da una passione manifesta per lo storico e il culturale. E’ infatti l’ottone, povero ma carico di storia, il principale materiale utilizzato, che, placcato con oro 24kt, rodio e rutenio, è alternato a pietre dure colorate e geometriche. Il richiamo all’antico è forse ancor più evidente nelle forme dei vari orecchini, bracciali e collane: quelle che sembrano forme astratte sono in realtà le piante architettoniche di alcuni tra i più famosi edifici storici e religiosi, come il Pentagono, San Pietro o il teatro antico di Taormina. Un amore per il passato che si sposa genialmente con il presente…

Ledaotto nasce come marchio nel Gennaio 2010 dopo diverse esperienze nel campo della moda e del design del gioiello da parte delle due creatrici, Simona Cassai e Marta Saletti. In poco più di un anno le creazioni Ledaotto sono apparse in moltissime riviste, tra cui Vogue Japan, Velvet, Maxim Italia, e dallo scorso luglio sono disponibili su Yoox.com, principale sito italiano di vendita moda on-line.
www.ledaotto.com

CARTA E COSTURA

Nonostante quasi una vita passata dietro le quinte dei teatri, Alessandra Carta e Stefano Fornari sono da considerarsi (ironicamente) i “nuovi volti” della moda italiana. Nel 2007 il loro brand, Carta e Costura, è stato premiato al prestigioso concorso “Who is on Next?”, promosso da Franca Sozzani, che è valso loro più di un editoriale sulle pagine di Vogue Italia e Vogue.it. L’imprinting teatrale del duo milanese è evidente in ogni loro creazione, in cui i drappeggi e la tendenza sartoriale fanno da padroni, ma che non toglie nulla alla pulizia e alla semplicità delle linee. E anche l’innovazione è alla base del marchio, dove la ricerca di nuovi tessuti eco-sostenibili e tagli originali si strizzano l’occhio contribuendo a creare uno stile unico, sofisticato e deliziosamente couture. Il nero è sempre stato il comune denominatore di ogni collezione (definite da loro stessi “post-atomiche”) e quindi stupisce non poco aver visto presentati a Pitti quasi esclusivamente capi dai colori fluo. Io gli ho adorati dal primo all’ultimo ma… che cosa ne avrà pensato la Sozzani?

Alessandra Carta e Stefano Fornari sono il duo stilistico di Carta e Costura. Alessandra ha studiato scenografia all'Accademia di Belle Arti, laureandosi con la tesi "Arte, moda e costume dal 1900 al 1940, le avanguardie" e ha lavorato per un decennio come costumista per cinema, pubblicità e teatro, prima di fondare il marchio nel 2006. Con lei, dal 2008, disegna Stefano Fornari, stilista e tecnico modellista, già attore e costumista con la compagnia teatrale Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa.
www.cartaecostura.com


CHIC APPEAL BY DE PIO

Calze, collant, gambaletti, calzini… C’è chi li trova accessori femminili utili e pratici soprattutto d’inverno e chi invece (e mi riferisco agli uomini…) preferirebbe non averci proprio a che fare. Chic Appeal by De Pio è a tutti gli effetti una linea di calze, ma le sue creazioni sono talmente eleganti e particolari che non farebbero storcere il naso nemmeno al tanto esigente sesso forte. E in tutta onestà, se si considera quanta attenzione viene rivolta alla qualità dei filati e dei dettagli e allo studio del design, mi sembra quasi dispregiativo definirle soltanto “calze”. Non capita spesso, infatti, di poter partire da un accessorio come questo per realizzare un look diverso e decisamente alla moda; il più delle volte preferiremmo semplicemente uscire di casa senza collant incuranti del fatto che fuori ci sono appena pochi gradi piuttosto che fasciarci in orribili modelli in microfibra. Chic Appeal realizza così il sogno di tante donne: fare delle calze un elemento che da forza alla nostra sensibilità per la moda e non oggetti in cima alla lista “mai e poi mai”.

Chic Appeal è la collezione donna del calzificio bresciano De Pio, fondato nel 1949. La linea è interamente prodotta in Italia per preservare tradizione e artigianalità, da sempre concetti fondamentali del marchio. Chic Appeal è presente alle fiere italiane e internazionali più autorevoli del settore (Premiere Classe a Parigi, A&D a New York, White a Milano) e nei migliori negozi e boutique di tutto il mondo.
www.depio.it

MIA BAG

Un’esplosione di tinte shock e di borchie dalle forme più disparate sembra essere la ricetta per la collezione Primavera/Estate 2012 di Mia Bag. Le linee sono quelle delle borse più classiche che tutte le donne hanno o vorrebbero nel proprio guardaroba, ma i colori e le decorazioni sono tutt’altro che tradizionali. Teschi, croci, cuori metallici arricchiscono la pelle tinta in tonalità arcobaleniche dando a ciascun modello un tocco più giovanile e decisamente modaiolo. Non c’è spazio per la noia o la negatività, solo tanto colore che mette subito di buon umore e che vi fa catapultare immediatamente nella tanto attesa stagione calda. Allo stesso modo la collezione invernale (nelle foto) non ci fa rimpiangere spiaggia e ombrellone ma ci invoglia anzi a qualche grado in meno. Sono modelli soffici in nylon imbottito e trapuntato che portano stampati teschi, pois o romantiche trame di pizzo; insomma niente di meglio per ripartire con allegria la nuova stagione. Una pillola di felicità con due manici.

Mia Bag è un brand di borse e accessori milanese tutto nuovo ma che è stato presente a Pitti già nelle sue due ultime edizioni. Le borse sono il punto di forza delle collezioni che presentano però anche qualche elemento diverso coordinato: per l’inverno 2011/2012 deliziosi i K-way con stampa en pendant.
www.miabag.com


ANNA SAMMARONE

Osare non sempre significa dover esagerare. A volte è il coraggio di fare cose che altri non fanno; come creare una collezione romantica e minimalista in tempi in cui l’ostentazione del corpo spesso si traduce solo in abiti sexy e appariscenti. Anna Sammarone pensa fuori dagli schemi realizzando capi semplici nella loro struttura che non sono però mai scontati e che sorprendono senza effetti speciali. Come ad esempio gli interni colorati in pregiate sete o le rifiniture in paillettes che non ti aspetti in soprabiti dal taglio severo. Tutto si fonda su un bilanciato gioco di contrasti di cui è ben chiaro l’equilibrio. Equilibrio tra libertà e leggerezza: libertà dal rigore, dalle forme banali ma leggerezza di tessuti e di pesi. Sono creazioni senza tempo quelle di Anna Sammarone che non ama realizzare abiti “alla moda” ma che non rinuncia però a dire la sua in fatto di stile.

Anna Sammarone è nata in un piccolo paese del Molise nel quale è tornata per creare la sua linea appena terminati gli studi in giurisprudenza. Forti sono i legami con la sua terra che ricorre spesso nei colori e nelle stoffe scelte per le collezioni. I suoi abiti sono apparsi su Elle, Glamour e Grazia Italia.
www.annasammarone.it


TACCETTI

Chi ama le tinte accese può dormire sonni tranquilli; anche il prossimo anno avremo un’estate in Technicolor. E le nostre tanto amate calzature non saranno da meno: che si tratti di zeppe, stringate o peep-toe vertiginose la musica sarà la stessa. Colore, colore, colore!!! Taccetti non si è lasciato sfuggire l’occasione di dimostrare ancora una volta la sua attenzione per le tendenze della moda e ha creato per la Primavera/Estate 2012 una collezione vibrante, leggera e iper-femminile. E variopinta, naturalmente. I modelli sono essenziali, per far risaltare qualsiasi tipo di donna, mentre la scelta dei materiali, dei colori e degli abbinamenti sono innovativi e particolari per accogliere i gusti più differenti. Tra le scarpe più interessanti vanno senza dubbio segnalati i modelli in denim, gros-grain e vernici fluo (come le spuntate della foto) che rappresentano la parte più humour ed eye-catching della collezione. Jeans da calzare??? Sì, ma purché dipinto…

Taccetti è un calzaturificio toscano fondato nel 1954 che produce linee femminili di alto livello. Nel 1995 il marchio si è trasferito a Montelupo Fiorentino, dove tuttora risiede. Il marchio Taccetti viene distribuito in tutta Italia in negozi estremamente selezionati e ha conquistato negli ultimi anni anche una grossa parte del mercato russo e delle altre ex repubbliche.
www.taccetti.it

0 commenti:

Posta un commento

Il tuo commento sarà pubblicato immediatamente dopo averne verificato il contenuto. Non saranno pubblicati commenti contenenti termini volgari e/o offensivi, riferimenti personali e comunque ogni elemento non ritenuto congruo alla politica del sito.